Angelo Franco

Vai ai contenuti



IL SURREALE
è LA MIA REALTà!




Angelo Franco
- Pittore -

Nasce a Cinquefrondi in Calabria, il 11 gennaio 1991 e trascorre la sua giovinezza a Plaesano, un piccolo paese collinare di nemmeno un migliaio di persone.

Angelo, fin da bambino, è amante dell'arte, della musica e del teatro. Si distingue da subito per le sue capacità artistiche ma soltanto all'età di 22 anni scoprirà realmente il suo innato talento per la pittura.

La richiesta da parte di un'associazione culturale locale, di realizzare un'effige su tela raffigurante la Madonna Addolorata, è l'evento che darà origine ad una serie di realizzazioni artistiche in continua evoluzione.

Angelo si diverte nel mettersi alla prova, testando le sue capacità, esplorando tra gli stili e le tecniche che più sente alla sua portata avvicinandosi sempre più ad una forma di surrealismo contemporaneo in maniera autodidatta.
Successivi incarichi non tardarono nell'arrivare, realizzando così una tela per il teatro di Polistena, per numerosi privati ed affreschi murali a tema religioso.

Alcune delle sue tele vengono incluse in una collana edita da Pagine s.r.l. intitolata "Arte e artisti contemporanei" (2016) a cura di Francesca Folino Gallo.
Vincitore del secondo posto pittura all'Arte Prize di San Miniato (PI), 18 maggio 2019.
Finalista al Mediterranean Contemporary Art Prize, Castello di Lagopesole, 18-28 luglio 2019.
Vincitore del premio speciale Franco Azzinari al concorso Metropolis - Biennale della Sibaritide (CS), 7-21 dicembre 2019.
Menzione speciale casa editrice al concorso Calendario Gutenberg 2020 - Palazzo Venezia (NA), gennaio 2020.
Premio Internazionale Città di NewYork con l’opera “Labirinto di mare”– Maggio 2020.
Finalista alla Biennale Dei Normanni (Monreale – PA) con le opere “Scegli adesso” e “c-OVI-d” - Settembre 2020.
Vincitore del sesto posto al Primo premio Internazionale d’arte di Torino con le opere “In cerca di salvezza – Sott’occhio – La meccanica del tempo” – Ottobre 2020.
Finalista alla Biennale di Arte di Montecarlo (posticipata al 2021) con l’opera “c-OVI-d”.
Vincitore del sesto posto al premio d’arte Internazionale AUPI con l’opera “Mater Virtualis”

Attualmente continua a partecipare a concorsi nazionali ed internazionali.
GALLERIA
Produzione completa di Angelo Franco
SENZA PAURA
olio su tela 60x80 cm

Un uomo di colore ci tende la sua mano e senza paura ci invita ad entrare in un mondo dove niente è definitivo né certo. Il suo riflesso nello specchio ce lo svela: è una donna ed è bianca. Un grande messaggio di speranza e di eguaglianza, in assenza di fobie.

Torino - 2021
ESSERE PADRE
olio su tela 40x50 cm

Un uomo accovacciato su un muretto accoglie nei palmi delle mani due neonati. E' un padre svestito che, sincero ed umile, dona col lavoro quotidiano, un futuro ai suoi amorevoli figli, quello costruito mattone dopo mattone. Forse è questo il gesto più nobile dell'essere padre.

Torino - 2021
CONFINE
olio su tela 100x70 cm

Un pavimento di parole e frasi, due corde che legano e costringono. Una donna sola in un confine invisibile tra il restare legata a una vita e il fuggire dalla stessa. Un confine visibile tra bianco e nero, tra la libertà e le parole nere.

Torino - 2021
PARTIRE COL CUORE
olio su tela 40x50 cm

Partire portandosi dietro non un semplice bagaglio ma i propri affetti e ricordi. Un trolley diventa il cuore dove racchiudere i sentimenti più intimi e uno zaino cervello perché la memoria non ci abbandoni mai, ovunque andremo, spogli e nudi da ogni aspettativa.

Torino - 2021
NIDO VORACE
acrilico su tela tonda 80 cm

Dentro un nido d’aquila, persone. Accovacciate in attesa della madre nutrice che porta loro denaro. Prepotentemente c’è già chi l’afferra con avidità dimostrando voracità. Uomini di un domani senza scrupoli.

Torino - 2021
ORIGINI
acrilico su tela 40x40 cm

Un ritorno alle origini dove la terra accoglie la saggezza. Un ulivo gravido di vita, olive che diventano olio che brucia in una lanterna, neonati germogliano di nuova vita e un libro vuoto sarà ancora scritto a ricordare la storia.

Torino - 2021
MATER VIRTUALIS
acrilico su tela 100x70 cm

Una donna trova spesso nella maternità la sua più preziosa forma di espressione. Ma se questo non avviene naturalmente, il mondo virtuale può venire in aiuto e per qualche attimo ogni donna potrà sentirsi madre.

Torino - 2021
CALABRIA
acrilico su cartone telato 35x45 cm

Un piede trafitto, sanguina e lacrima. E' il piede dello stivale d'Italia, la regione Calabria che soffre per le ferite inferte e patisce ancora i torti subiti. Un omaggio dell'autore alla sua amata terra natia.

Torino - 2021
IL TEMPO NON DIMENTICA
acrilico su tela 90x120 cm

Un uomo si fa spazio tra il filo spinato a raccogliere una clessidra rotta. Cosa rimane del suo tempo? Come potrà mai recuperarlo? Quel lembo di tuta carceraria, il marchio indelebile sul suo braccio e quella sabbia sprecata sul terreno ci dicono che il suo tempo non tornerà mai più e la sua memoria non potrà nemmeno cancellarlo.

Torino - 2020 ottobre
LA MECCANICA DEL TEMPO
acrilico su tela 80x80 cm

Tre figure di donne alle prese con lo scorrere del tempo. Visi e corpi giovani o anziani possono inter-scambiarsi ed alternarsi in un gioco assurdo che utilizza la meccanica di un carillon. Ed allora quanto tempo ci resta per cambiare noi stessi?

Torino - 2020 settembre
ANCHE I COMMERCIALISTI HANNO UN'ANIMA
acrilico su tela trittico 40x40 cm

Un trittico, dedicato alla professione del commercialista, dove si percorre il suo operato e il rapporto col cliente. Dal frenetico calcolo delle tasse, al salvataggio di chi affoga nella fiscalità vessatoria, fino ad un vero e proprio atto di fiducia tra le due figure.

Torino - 2020 agosto
EPPURE... E' LO STESSO CIELO
acrilico su tela 40x40 cm

Il divario sociale ed economico è rappresentato dall’avanzare di un passo in due scenari diametralmente opposti. Una strada di terra battuta, le case come baracche e l’elemosinare di un uomo si raffrontano con il lusso di una via piastrellata, adornata di negozi di lusso dove la presenza di un mendicante non verrà nemmeno percepita. Lui resterà invisibile agli occhi di chi non vuole vedere, nemmeno camminando sotto il medesimo cielo.

Torino - 2020 agosto
IL PESO DELLA GIUSTIZIA
acrilico su tela 30x90 cm

Il peso di una giustizia che valuta, che pesa uomini e valori, che può macchiarsi ma permane sempre legge e volontà di chi la applica.

Torino - 2020 luglio
NEL PRESENTE RITROVO IL PASSATO
acrilico su tela 70x80 cm

Raccogliere nel presente i frutti del proprio lavoro ma voltarsi anche indietro per non dimenticare il passato e le proprie origini. Due aspetti di una realtà qui simbolicamente rappresentati dall’ulivo e dal fico. Il primo attraverso la “leucolea” pregiata specie di oliva bianca, rarità dell’antica terra di Calabria e il fico, pianta generosa e cosmopolita.

Torino - 2020 luglio
DOVREI MA NON VOGLIO
acrilico su tela ovale 40x50 cm

Una bocca si apre improvvisa nello scontato atto del nutrirsi. Ma non per tutti alimentarsi è fonte di gioia. Una forchetta vuota ci indica un volere alterato, un disagio spesso adolescenziale che induce a distorsioni della propria immagine o a una pericolosa perdita di peso.

Torino - 2020 luglio
IN CERCA DI SALVEZZA
acrilico su tela tonda 60 cm

Dal vetro dell’oblò di una nave, vediamo un uomo nuotare e allontanarsi in un tunnel oceanico. Indossa solo un guanto di lattice e ha lasciato un insolito diario di bordo: la sua mascherina. Ci informa del suo incontro col virus pandemico nel 2020 e con coscienza, freddezza o forse follia, abbandona la nave in cerca della sua salvezza.

Torino - 2020 giugno
VOLO IMMOBILE
acrilico su tela 80x80 cm

Un cielo azzurro squarcia in due una sedia a rotelle e da una gradinata, simbolo di prigionia, un uomo disabile cerca di emergere. Il suo spirito è forte come l’aquila che lo aiuterà a compiere il suo sogno: lui volerà sempre, anche da immobile.

Torino - 2020 maggio
c-OVI-d
acrilico su tela ovale 40x50 cm

Un uovo pandemico, da dove tutto nasce o da dove tutto evolve? Sbirciamoci dentro e scopriamo come abbiamo condiviso con tutte le popolazioni terrestri la stessa identica sorte. Ed ora, tutti insieme teniamo ancora altra vita tra le mani. Cosa dobbiamo aspettarci da un futuro ovi (di uova)?

Torino - 2020 maggio
SOTT'OCCHIO
acrilico su tela 80 cm diam.

Spesso ci sentiamo osservati e giudicati per la nostra forma fisica, fino a creare delle dipendenze. Scrutando attraverso la lente di un binocolo, focalizziamo come un metro può imbrigliare le nostre vite e portarci a desiderare di rompere quel vetro che ci tiene costantemente sott’occhio.

Torino - 2020 maggio
VICINI OLTRE IL MURO
acrilico su tela 120x80 cm

Attraverso un labirinto immaginario, emblema delle proprie difficoltà e anche delle relazioni sociali, un uomo chiede aiuto. Il suo corpo vigoroso non è più sufficiente: l’aiuto invocato è morale. È quella mano che ne accoglie un’altra, in un tocco leggero quanto reale e delicato. Ciascuno di noi può trovare il suo aiuto, una mano vicina…oltre il muro.

Torino - 2020 aprile
LA STORIA OCCULTA
acrilico su tela 60x60 cm

Dalle mani invisibili, appartenenti al popolo, cadono gocce di inchiostro, di lettere e poi parole che hanno scritto col passare del tempo la Storia. Una storia che spesso i più potenti e danarosi hanno saputo afferrare e cambiare, a loro piacimento. Le loro mani non sono invisibili sono quelle che possiamo vedere, come i libri che ci sono stati tramandati e che leggiamo. Ma la realtà è davvero quella? Forse la vera storia è spesso occultata in anfratti a noi non raggiungibili.

Torino - 2020 aprile
UGUALI E IMPOTENTI
acrilico su tela 70x50 cm

In uno spazio senza tempo e dentro una Terra squarciata, si consuma il dramma dei giorni epidemici. Tra scatole di cartone accatastate, scopriamo due uomini rinchiusi che si abbandonano inermi al contagio. Non importa più l’abito indossato, i soldi nella valigia o la scarna nudità che denota l’assenza di qualsiasi bene. Loro sono uguali e impotenti allo stesso tempo. Le loro vite sono ora nelle mani di entità indefinite, di operatori sanitari o di un destino a tutti noi più grande e sconosciuto.

Torino - 2020 marzo
VESSATO O VINCENTE
acrilico su tela 70x100 cm

Immaginiamo di scrutare nella mente di un bambino vessato e vittima di bullismo. In una classe deserta e priva di amici, delle mani prepotenti si prendono gioco di lui. Le giornate di scuola sono diventate un terribile sopruso che attanaglia i suoi pensieri, privandolo della spensieratezza a cui ha diritto. Ed allora improvvisamente la vita gli impone una scelta: perseguire sulla medesima strada, priva di coraggio e ostacoli che però non muterà gli eventi oppure percorrerne adesso una più difficile e temeraria ma che alla fine lo renderà vincente?

Torino - 2020 marzo
LA MENTE TORNA
acrilico su tela 80x100 cm

Il cervello è come un labirinto. Il labirinto della mente che, come trascinato da mani invisibili, sovrasta un libro antico. Da questo attinge la cultura, la storia e parole che, ad una prima lettura, potrebbero sembrare prive di significato. Solo col tempo e con l’esperienza esse assumeranno il giusto valore e avranno un peso importante nella vita.  “Capirai allor frasi leggere”: la mente e la cultura si incontrano, si fondono ed esprimono visivamente una complessa interazione tra pensieri e parole.

Torino - 2020 gennaio
IL NIDO INFRANTO
acrilico su tela 80X80 cm

Una palla demolitrice si abbatte inesorabile su una casa dimora degli affetti. Occhi indiscreti osservano, nessuno può ormai agire e, nel silenzio della città, un nido di vita viene infranto. Ma delle mani forti sono pronte a sorreggere ciò che resterà e il suo anziano proprietario. Lui si erge, impotente e fiero, come un muro portante a dimostrare che la sua anima è la sua stessa casa..

Torino - 2019 ottobre




A.D. ANNO DIGITALE
acrilico su tela 100X80 cm

Le nostre vite non sono più reali né vissute. Esse vivono dentro smartphone, contenitori di emozioni ed esperienze. Traggono energia dall’uomo, assorbono il suo sapere, le sue emozioni fino a trasformarlo in un banale caricatore immobile e solitario lungo una strada a due corsie. Sotto un cielo che in fondo è solo l’ennesimo screenshot di una giornata di sole.

Torino - 2019 ottobre




SCEGLI ADESSO
acrilico su tela 100X80 cm

Tra imponenti e soffocanti grattacieli, la coscienza metropolitana si affaccia improvvisa su una scala mobile. Con le sembianze di un cameriere ci propone la portata del giorno: un albero simbolo di vita, di ossigeno e di riscatto. Spetta a noi la scelta, prima che un solo passo lo conduca inevitabilmente nelle fauci di una betoniera. La nostra metropoli ci chiede aiuto: è ora di scegliere, di ripartire o perdersi per sempre.

Torino - 2019 agosto




PRIMI GIORNI
acrilico su tela 80X50 cm

La prematurità di un figlio si affronta davanti a un’incubatrice. Ed è qui la vita ci parla.
Ci narra di una serra dove mani amorevoli donano acqua per far germogliare quel seme paterno che una madre terra accoglie nel suo fertile grembo. È da quest’amore riposto che le nostre speranze si riflettono in una nuova e innocente vita.

Torino - 2019 agosto




LABIRINTO DI MARE
acrilico su tela 70X50 cm

Il mare come labirinto d’acqua dove vite acquatiche e umane s’intrecciano in un rischioso scambio di ruoli. Un pesce fugge dalla sua naturale dimora divenuta ormai ostile mentre vite umane si perdono in un habitat a loro inusuale. Delle mani, destinate a rimanere inascoltate, cercano un appiglio, un aiuto o una speranza di libertà. Chi gioca con queste vite sarà destinato a rimanere prigioniero in quello stesso labirinto senza essere né pesce libero né uomo fiero.

Torino - 2019 luglio




VUOTO RIFLESSO
acrilico su tele 100X100 cm

Avulso mare, vuoto riflesso, recondito scarto.
In un mare contemporaneo, estrapolato dal suo contesto, una balena simbolo di vita e salute degli oceani, si allontana verso un orizzonte a noi sconosciuto. L’uomo rimane immobile osservatore di se stesso e ci rivela un vuoto interiore, i rifiuti che riempiono e distruggono i nostri mari e la nostra stessa esistenza. Il suo coperchio si riflette nel sogno di un eden e di una bellezza ormai perduta. Sogniamo un mondo che più non ci appartiene.
Una doppia tela, tenuta insieme da due cerniere, accompagna il significato e la caratteristica dell’uomo protagonista dell’opera. Mentre tre versi di due parole s’imprimono come tematica dell’opera stessa.

Torino - 2019




LEGAMI, LEGAMI
acrilico su tela 80X80 cm

Un cuore, un polpo e un uomo alato s’intrecciano in una rete di sentimenti unici e profondi. Il cuore è stato rubato da tentacoli docili e protettivi e l’uomo alato, ora consapevole di aver donato, rivendica il diritto al proprio amore spiegando le ali al suo destino.

Torino - 2019




INVOLUZIONE
acrilico su tela 100X40 cm

Corpi svestiti, ammassati e in attesa di un inusuale destino, giacciono a terra in una sorta di fabbrica che imbottiglia vite umane. Dopo secoli di sviluppo e innovazione tecnologica, le nostre esistenze si uniformano e l’uomo è usato dal suo stesso progenitore come oggetto casualmente selezionato ed imbottigliato verso un futuro privo di emozioni. È questo lo scenario di un’ipotetica involuzione dell’essere umano.

Torino - 2019




NATURA LIBERA
acrilico su tela 70X50 cm

La Natura sprigiona il suo potere più forte: la libertà di essere. Da un uovo, frutto di un’unione e simbolo di procreazione, nasce un uomo. Geometriche nicchie nella terra, rappresentano una Madre Natura indipendente e protettiva che accoglie l’uomo come in piccole incubatrici. Qui sarà libero di vivere, di scappare e di essere sempre sé stesso. Chi gli ha dato la vita non ha più potere su di lui: soltanto la Natura ha già deciso il suo destino. Sarà uomo o donna, forse padre o più volte madre o ancora solo essere…essere vivente capace di scindersi in ciò che più  sarà coerente con la sua esistenza, con la sua natura.

Torino - 2019




OCCHIO DI SOPRAVVIVENZA
acrilico su tela 50X50 cm

Alcune storie e immagini a volte si imprimono prima nei nostri occhi e poi nella mente. Ecco cosa viene riflesso e impresso nel fondo di un occhio che osserva uomini che lottanto per la propria sopravvivenza, per i propri spazi e diritti. Figure umane si intrecciano quasi a sfidarsi, provocando nell'occhio di chi osserva una lacrima di sofferenza.

Torino - 2019




TRITTICO MAFIA
3 acrilici su tela
70x50 + 50x50 + 70x50 cm
Torino 2019
Opere finaliste al Mediterranean Contemporary Art Prize, Castello di Lagopesole, 18-28 luglio 2019
MUSICA E PAROLE
4 acrilici su tela
100x70 cm
Torino 2018-19
FRAGILE
acrilico su tela 60X60 cm

Una donna perde le sue sembianze ed appare come una scatola di cartone, fragile, contrassegnata e schiusa da due mani ignote che riveleranno la vera anima dell’anonimo personaggio. Sei mani circondano il suo capo, a raggiera, come a voler rappresentare una corona. Sono il frutto delle manipolazioni che Lei spesso subisce, delle idee sbagliate che spesso attanagliano la sua mente facendola sentire emarginata, esclusa e diversa. Ma all’interno del suo petto si scopre la bellezza espressa dall’autenticità di un diamante che solo Lei sapeva di possedere.

Torino - 2018




PREMI E RICONOSCIMENTI
PREMIO SPECIALE "FRANCO AZZINARI"
pittore del vento
METROPOLIS
Biennale della Sibaritide di Arte Contemporanea 2019

Giuria giudicante:
Prof. Boris Brollo
Giancarlo Caneva
Avv. Roberto Perrotta
D.ssa Marianna Saragò
D.ssa Fabrizia Arcuri

Con le opere: Scegli adesso, A.D. Anno Digitale, Nido infranto
Premio Franco Azzinari

Premio Torino
PREMIO INTERNAZIONALE TORINO 2020
Sezione pittura

6° Classificato
con le opere: La meccanica del tempo, Sott'occhio e In cerca di salvezza

Premio Artista dell'anno
PREMIO CREATIVITA' PALERMO ARTEXPO 2020
Artista dell'anno

All'artista Angelo Franco:
per il suo impegno creativo, dedito alla divulgazione del pensiero e del sentimento.

Con l' opera: In cerca di salvezza.

Premio Artexpò 2020
Premio New York
Premio Montecarlo
autoritratto ironico

2° CLASSIFICATO - sezione Pittura
Prima Edizione del Concorso Arte Prize 2019 San Miniato
Giuria giudicante:
Prof. Bruno Pollaci
Maestro Franco Bonsignori
Prof. Ivo Vassallo
Prof.ssa Sandra Lucarelli
Prof.ssa Daniela Bianconi

Con l'opera: Prospettive di gioco - acrilico su tela 100x100cm
Sinossi opera:
Le prospettive possono cambiare la visione delle cose. Il gioco, sia questo della vita o di un momento ludico, può essere corretto o ingannevole. I due fenomeni s’incontrano qui, su una scacchiera simbolo di passatempo e di astuzia, tra due figure emblema di entità contrapposte. Il bianco/nero nel gioco e nella vita, il curiosare silenziosi o il sopprimere prepotente, il lucrare secondo le regole o usando l’inganno.
Prospettive di gioco è un invito a perdersi nel ricercare i significati del gioco che più ci appaga.
Commento della Prof.ssa Sandra Lucarelli:
"Questa è stata un'altra delle opere che mi ha emozionata moltissimo sia perchè mi sono tornate alla mente le opere di Escher, sia per un percorso letterario che va da Kafka fino alla partita a scacchi con la morte del film di Ingman Bergman... Un tema, quello degli scacchi, che ha coinvolto anche i surrealisti come Magritte nell'opera "Matto". Un trait d'union che non dimentica ciò che siamo e ci proietta nei labirinti della psiche de della psicanalisi, tanto cari a Freud."
ANGELO  FRANCO
Via Digione, 5 - 10143 Torino (TO) Italia
+39 345 8949569
info@angelofranco.it
Torna ai contenuti